energia solar termica

energia solar termica

Sui certificati bianchi, con il nuovo decreto vengono promossi gli investimenti per l’efficienza energetica e si stabilisce un nuovo regime, che prevede anche grandi progetti industriali e impianti di teleriscaldamento in aree metropolitane, che potranno portare a un risparmio di energia oltre 35mila tonnellate di petrolio, continua la nota.

Il provvedimento, tappa essenziale per raggiungere e superare gli obiettivi ambientali europei al 2020 e della nuova direttiva sull’efficienza energetica, si propone il duplice scopo di dare impulso alla produzione di energia termica da fonti rinnovabili (biomassa, pompe di calore, pannelli scalda-acqua, condizionamento a energia solare) e di accelerare i progetti di riqualificazione energetica degli edifici.

Il decreto sulle rinnovabili termiche (come il riscaldamento a biomassa, le pompe di calore, il solare termico e il condizionamento a energia solare) segue di pochi mesi il Quinto conto energia sul fotovoltaico e sulle altre fonti rinnovabili elettriche, spiega una nota del ministero dell’Ambiente.

Risparmiare energia e riscaldare la casa utilizzando il mini impianto ad energia solare termica Sferasol sarà una passeggiata grazie ad un sistema Plug e Play, che permette con facilità, al momento dell’installazione, di collegare direttamente “la sfera” al circuito secondario come se si trattasse di un normale scaldabagno elettrico. D’altronde i vantaggi di acquisto e di installazione di questo impianto hanno tempi e costi estremamente ridotti. Dal punto di vista di durata del “montaggio” infatti, basta un semplice collegamento idraulico al circuito dell’acqua calda sanitaria ed un’allaccio  elettrico per la pompa. La spesa economica per questo tipo di impianto invece, rientra all’interno degli incentivi del 55% sull’efficientamento energetico degli edifici, con un ritorno completo dei costi d’investimento pari a 10 anni (senza contare il vantaggio di una riduzione della bolletta per il riscaldamento durante lo stesso arco di tempo).

De esta forma se obtienen temperaturas que alcanzan los 1.000 ºC, lo que permite que se ponga en funcionamiento ciclos termodinámicos que consiguen mediante la evaporación del fluido, el movimiento de las turbinas de los generadores.

¿Por qué no se detienen las centrales nucleares térmicas, tan peligrosas y contaminantes, o las que funcionan con combustibles fósiles, si es posible obtener la misma energía de los rayos solares?

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *